Come Aprire un Conto Trading Online

0
69
come aprire conto trading

Come non ci stancheremo mai di ripetere, prima di aprire un conto con un broker è buona regola testarne diversi in demo e sincerarsi che le caratteristiche del broker siano compatibili con le proprie esigenze.

Nello specifico ti conviene verificare che:

  1. Il broker abbia un’assistenza in italiano: se non padroneggi l’inglese alla perfezione è bene che il broker possa parlare con te nella tua lingua.
  2. Il broker sia autorizzato dalla Consob: recentemente la Consob ha iniziato a regolamentare le attività finanziarie che offrono il trading sul mercato forex. Assicurati che il broker con cui apri il conto abbia questa autorizzazione o, in casi estremi, sia certificato e regolato da enti credibili (fa fede soprattutto il paese di appartenenza dell’ente regolatore).
  3. Le modalità di deposito e prelievo: qui le caratteristiche possono variare. Se vuoi aprire un conto con poche decine o al limite centinaia di euro probabilmente ti interesserà la possibilità di depositare o prelevare con carta di credito (postepay) o con mezzi di pagamento online come paypal o moneybookers. Se invece vuoi aprire un conto con migliaia di euro cerca di muoverti solo con bonifico bancario: la tracciabilità è anche nel tuo interesse. Occhio anche ai costi di versamento/prelievo: alcuni brokers trattengono cifre anche elevate per questi servizi (soprattutto per prelevare).

Aprire un Conto Trading in 6 passi

Normalmente, nel momento in cui apri un conto reale hai già un conto demo e quindi i contatti di un account manager. Contattalo e definisci con lui la procedura per l’apertura conto.

Di seguito segnaliamo comunque i punti comuni della maggior parte delle procedure di apertura conto, verifica che il tuo broker sia in linea con queste:

  1. Richiesta documenti: in genere vengono richiesti
    un application form compilato e firmato: è il contratto di apertura conto.
  2. La copia di un documento: è fondamentale per la verifica della tua identità. Alcuni brokers ne richiedono una copia autenticata dalla prefettura o dal municipio.
  3. Una prova dell’indirizzo: misura antiriciclaggio. Molti utenti la ritengono sospetta ed invece è buon segno che ti venga richiesta. Si tratta di una bolletta recente di un’utenza (telefono, luce o gas vanno benissimo).
  4. La copia della carta di credito: se la usi per il versamento sul conto forex ti sarà richiesta per verificarne la proprietà. In genere puoi oscurare le cifre centrali.
  5. Versamento: una volta forniti i documenti di cui sopra riceverai l’ok per fare il versamento. Alcuni broker (quelli che consentono l’apertura del conto a partire da poche decine di euro) ti permettono di versare prima di compilare la documentazione che devo poi produrre entro alcuni giorni, pena il blocco del conto.
  6. Prelievo: se hai la fortuna e la capacità di ottenere degli utili dal tuo conto proverai anche il brivido del prelievo degli utili. Spesso ti verrà richiesto di compilare un form per poter procedere a questa operazione.