Cos’è l’Analisi Tecnica per fare Trading Online

0
261
Broker Caratteristiche Apri Conto Demo
broker trading
  • Conto Demo Gratuito
  • 100 € Deposito minimo
  • Licenza CySec
conto demo
Leggi la Recensione
broker trading
  • Conto Demo Gratuito
  • 25€ Gratis (Senza Deposito)
  • Licenza CySec
conto demo
Leggi la Recensione
broker trading
  • Conto Demo Gratuito
  • 25€ Bonus (Senza Deposito)
  • Licenza CySec
conto demo
Leggi la Recensione

L’Analisi Tecnica è la disciplina che consente di prevedere l’andamento dei mercati e prendere decisioni sulla base di queste previsioni.

L’Analisi Tecnica non è una scienza esatta ma piuttosto un insieme di regole astratte da diversi autori dall’andamento dei mercati nel corso del tempo.

Di fatto, l’analisi tecnica è venuta formandosi attraverso il contributo di diversi ricercatori, o più spesso traders, che hanno avuto intuizioni sul comportamento dei prezzi in base alla presenza di circostanze precise e, grazie alla bontà di queste intuizioni hanno potuto prevedere con successo l’andamento dei mercati ed ottenere un profitto sulle loro previsioni.

L’analisi tecnica si autoalimenta

Nel tempo tutti i costrutti più famosi dell’analisi tecnica tendono ad essere presi in considerazione dai traders che basano così la loro operatività su tali presupposti che, pur essendo stati validi nel passato, sono in realtà del tutto arbitrari per il futuro!

Facciamo un esempio molto semplice con il doppio massimo. Un concetto molto semplice dell’AT è che vi siano dei prezzi precisi che possono essere individuati come livelli di supporto o resistenza, ovvero prezzi su cui il grafico, muovendosi in una direzione, improvvisamente si blocca per poi tornare indietro.

Il doppio massimo si ha quando i prezzi in salita si fermano ad un certo livello, ritracciano al ribasso, e poi tornano a salire rimbalzando di nuovo contro questo livello di resistenza.

Ora: tutti i traders che guardano il grafico vedono i prezzi respinti per ben due volte da questo livello, un doppio massimo! Cosa fanno a questo punto?

  1. Impostano ordini di vendita poco sotto il livello di resistenza i modo da poter contare su un punto di inversione affidabile se il prezzo tornasse in quell’area.
  2. Impostano ordini di acquisto poco sopra il livello di resistenza poichè, in base ai dettami dell’AT, se il prezzo rompe una resistenza poi parte spesso in un trend esplosivo.

Qual’è la conseguenza di questo comportamento?

  1. Gli ordini di vendita sotto la resistenza fanno si che effettivamente i compratori trovino abbastanza venditori nella zona della resistenza per fermare il trend in salita: abbiamo un triplo massimo e l’analisi tecnica conferma se stessa.
  2. Se i compratori fossero troppi rispetto a coloro che vendono o prendono beneficio o entrano short sotto la resistenza avremmo il breakout del doppio massimo e quindi entrerebbero subito in azione gli ordini di acquisto di chi andava long oltre la resistenza e gli stop loss (quindi riacquisti) di chi andava short sotto la resistenza: in definitiva un boom di ordini di acquisto che causa un rialzo esplosivo dei prezzi, e così l’analisi tecnica conferma sè stessa.

Pensaci bene: se l’AT non prevedesse il concetto di “supporto” e “resistenza” nessun trader avrebbe inserito gli ordini che abbiamo descritto sopra ma ognuno avrebbe venduto o acquistato rispetto ad altri parametri (informazioni, notizie o addirittura a caso) e non avremmo nè il rafforzamento della resitenza, nè il breakuot esplosivo!

Il comportamento dei trader in presenza di supporti o resistenze è così consolidato che a volte gli attori forti del mercato (i più capitalizzati, quindi hedge founds, grossi fondi e grandi banche) preparano delle vere e proprie trappole chiamate bear trap e bull trap.